Per una cultura integrata nella riqualificazione dell’ambiente costruito 

Il Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Edile – Architettura offre una laurea pienamente in linea con la direttiva CEE 384/85, che prevede l’armonizzazione delle figure professionali nel settore dell’architettura all’interno degli stati membri.

Il Corso di Laurea intende formare professionisti in grado di operare nel campo della rigenerazione urbana, della riqualificazione architettonica, del recupero edilizio, della conservazione del patrimonio costruito antico e moderno di interesse storico-artistico, e del paesaggio.

Il Corso è strutturato in modo da garantire un’interazione equilibrata tra conoscenze tecniche e umanistiche assumendo come elemento centrale la progettazione integrata nei suoi vari aspetti e contenuti, da quelli dell’oggetto singolo a quelli del disegno urbano e del territorio.

Oltre agli insegnamenti di base comuni a tutti i settori della formazione ingegneristica, hanno specifico spazio formativo i seguenti ambiti (o aree) disciplinari: la storia dell’architettura e delle tecniche costruttive, il rilevamento e la rappresentazione, il restauro architettonico, la composizione architettonica e urbana, la progettazione strutturale, tipologica e tecnologica degli edifici, il controllo fisico ambientale degli edifici, la gestione tecnico-economica e digitale del processo edilizio, l’analisi e la trasformazione degli ambiti urbani e territoriali.

Lo scopo del Corso di Laurea è formare professionisti in grado di progettare e pianificare il futuro delle città e dell’ambiente costruito attraverso un approccio pragmatico che consenta di valutare i vantaggi dell’intervento di riqualificazione – ivi compresa la sostituzione edilizia – in relazione alle scelte funzionali riferite all’intorno urbano, ai profili normativi dell’area, alle risorse economiche ed umane a disposizione per il progetto, unendo alle competenze della cultura architettonica e del restauro quelle tecnico-ingegneristiche.

Il laureato magistrale in Ingegneria Edile – Architettura, grazie a una più mirata formazione universitaria, ha le conoscenze necessarie per assolvere ai compiti di una progettazione integrata degli interventi alla scala architettonica e/o alla scala urbana declinati attraverso la scelta del laboratorio di sintesi finale. Alla fine del percorso formativo lo studente potrà scegliere di consolidare le proprie competenze secondo due indirizzi di studio caratterizzanti:

  • “Architettura, strutture, impianti e recupero del patrimonio esistente” con la possibilità di scegliere un’offerta formativa maggiormente mirata alla conoscenza delle tecniche storiche necessarie per il restauro e per il recupero del patrimonio edilizio esistente e alla digitalizzazione del processo edilizio.
  • “Città, infrastrutture e territorio” con la possibilità di scegliere un’offerta formativa maggiormente mirata alla conoscenza delle problematiche di riqualificazione alla scala urbana anche in relazione a tematiche quali, ad esempio, il drenaggio urbano sostenibile e alla permeabilità dei suoli.

Alla didattica frontale e laboratoriale del Corso di Studi sono affiancate anche attività internazionali e nazionali quali Summer School, seminari, conferenze, workshop, mostre e viaggi di studio, finalizzate ad offrire un confronto esauriente con le realtà professionali e di ricerca sia in ambito internazionale che nazionale. Esperienze indispensabili per completare il sistema delle competenze dell’Ingegnere edile- Architetto che opera nella società contemporanea.

Sbocchi professionali: 

Oltre alla libera professione il laureato magistrale in Ingegneria Edile-Architettura potrà svolgere funzioni di elevata responsabilità, tra gli altri in istituzioni ed enti pubblici e privati (enti istituzionali, aziende ed enti pubblici e privati, studi professionali e società di progettazione), operanti nei settori della costruzione e trasformazione delle città e del territorio.

Il laureato magistrale in Ingegneria Edile-Architettura è in grado di progettare con gli strumenti propri dell’Architettura e dell’Ingegneria edile e avendo padronanza degli strumenti relativi alla fattibilità costruttiva dell’opera ideata, alle operazioni di costruzione, trasformazione e modificazione dell’ambiente fisico; ha altresì piena ed approfondita conoscenza degli aspetti estetico-formali, distributivi, funzionali, strutturali, tecnico-costruttivi e gestionali oltre che  attenzione critica ai mutamenti culturali e ai bisogni espressi dalla società contemporanea.

Il laureato magistrale in Ingegneria Edile-Architettura predispone piani e progetti di opere e ne dirige la realizzazione, coordinando a tal fine, ove necessario, altri specialisti e operatori nei campi dell’architettura, dell’ingegneria edile, dell’urbanistica, del restauro architettonico e della manutenzione degli edifici.